info@trainerlab.it

Accesso utenti

Calcolo BMI

Peso:
Cm
Altezza:
Kg
Il tuo BMI è:
0
joomla module body mass index

TrainerLAB Mobile

phone TrainerLAB è anche Mobile. Accedi dal tuo Smartphone o Iphone

Potrai avere tutte le funzionalità di TrainerLAB in versione Mobile.

Apple-vs-Android-logo

 

 

LARS (Ligament Advanced Reinforcement System)

lars

La lesione del legamento crociato anteriore (LCA) e la più frequente lesione legamentosa del ginocchio.

Questo legamento sia a causa della scarsa vascolarizzazione che della sua posizione(circondato dal liquido sinoviale), ha scarse capacita di guarigione con il solo trattamento conservativo.

Poiché i pazienti affetti da lesione del legamento crociato anteriore sono mediamente giovani e attivi, la ricostruzione chirurgica e quindi la metodica terapeutica di scelta per la risoluzione dell’instabilita articolare dovuta a lesione del LCA.

Le tecniche ricostruttive sono diverse, e possono basarsi sull’autotrapianto tendineo (tecnica biologica), trapianto tendineo da cadavere o sull’impianto di legamenti artificiali.

Il mondo ortopedico ha valutato anche la possibilità di ricostruire il LCA con materiali sintetici per ovviare agli svantaggi ad alle complicanze delle ricostruzioni con tecniche biologiche.

In passato sono stati valutati buoni dei graft sintetici che si sono rivelati non privi di complicanze e poco biocompatibili.

Oggi la presenza del LARSR come opzione terapeutica da utilizzare nelle lesioni del LCA puo essere

considerata una felice realta.

Il LARS e costituito da fibre di polietilentereftalato (PET) ; un segmento intraosseo e costituite da fibre longitudinali unite insieme da una struttura a maglia trasversale, il segmento intra-articolare e composto da fibre longitudinali parallele arrotolate e piegate a 90°.

L’innovazione piu importante data dal LARSR e la sua similarita alla normale struttura del legamento crociato anteriore fisiologico, questo significa basso share stress per la protesi, dato dall’orientamento delle fibre libere nella porzione intrarticolare. Inoltre le fibre di PET nel loro segmento intrarticolare sono strutturate

in modo tale da stimolare e fornire un buon supporto, per la ricrescita tessutale che e favorita dalla porosita del materiale; la ricrescita inizia a livello dei tunnel ossei. La ricrescita di tessuto tra le fibre del legamento contribuisce ad aumentarne la viscoelaticita ed a ridurre la frizione tra i tunnel ossei e le fibre stesse. In uno studio eseguito da Nau et al. Condotto a 2 anni di follow-up, mette a confronto la ricostruzione del legamento crociato anteriore con tendine patellare e quello con LARSR; ed i risultati sono che i pazienti operati col LARSR hanno un recupero piu veloce e ritornano con maggiore frequenza all’attivita sportiva prima svolta.

In uno studio fatto da Lavoie et al. su 45 pazienti di cui 38 con rottura cronica e 9 acuta e subacuta; con follow-up di 21,9 mesi nessun paziente ha avuto complicanze di tipo infiammatorio.

Rispetto ai graft sintetici in uso negli anni ’80 studi clinici hanno evidenziato che l'utilizzo del LARSR non presenta complicanze quali la comparsa di reazioni infiammatorie (sinoviti) e fallimenti meccanici precoci ; tali complicanze infatti erano dovute ad una eccessiva usura del materiale che da un lato determinava

la liberazione dei detriti responsabili della reazione infiammatoria e dall'altro provocava un progressivo indebolimento della protesi fino alla sua rottura.

Le complicanze associate all'utilizzo del LARS sono analoghe a quelle che si verificano con l'utilizzo di altri tipi di graft come ad esempio:

$1·         complicanze infettive,

$1·         tromboemobiliche,

$1·          fallimenti dei sistemi di ancoraggio, mal posizionamento del graft.

Il LARSR, in base ai risultati di uno studio con un follow-up di 41 mesi, e ai dati della Letteratura internazionale, si può affermare che questo tipo di graft è una possibile ed altrettanto valida scelta, per le ricostruzioni del LCA.

E’ possibile affermare che in base alle caratteristiche strutturali e meccaniche del LARSR, le indicazioni all’uso di questo tipo di graft sono riservate a pazienti con età superiore ai 35 anni, sintomatici e con necessita al rapido recupero funzionale ed ai casi di fallimento dopo un intervento di ricostruzione con graft biologico.

Dalla revisione della casistica si è evidenziata un’elevata percentuale di soddisfazione relativa all’intervento (85% dei soggetti in base alle schede di valutazione soggettiva si reputano soddisfatti). Restano da menzionare i pazienti che si dichiaravano non soddisfatti della riuscita dell’intervento; questi, nonostante una

sintomatologia algica piu importante (soprattutto durante l’attivita fisica e la salita e la discesa di scale) ed una limitazione funzionale maggiore, determinata con le schede di valutazione soggettive, non presentavano instabilita importante del ginocchio alle prove stabilometriche.

I dati riguardanti la stabilometria dei casi revisionati, mostrano una area dell’ellissi, ed una lunghezza del gomitolo addirittura maggiore che nel ginocchio controlaterale mai traumatizzato e considerato sano al 100%; questo “eccesso” di stabilita articolare e da attribuire secondo noi alle caratteristiche biomeccaniche

intrinseche al graft stesso, come l’elevata resistenza alla trazione (3500-4000N) e la conseguente assenza di elasticita. Nonostante i risultati ottenuti dalla revisione casistica siano positivi, è necessario un follow-up piu lungo in modo da valutare l’effettiva durata del LARSR nel tempo (oltre i 10 anni dall’impianto) poiche il limite dell'impianto puo esser rappresentato dal fallimento meccanico del materiale dopo un elevato numero di cicli

(22mln di cicli).

E’ interessante valutare anche , un’altra possibile limitazione all’utilizzo del LARSR nei presidi ospedalieri, questa è rappresentata dall’elevato costo della protesi (ca. 2000 Euro).

Nello studio effettuato non sono presenti pazienti con complicanze a breve termine, come riportato in letteratura per l’utilizzo di graft di prima generazione, rappresentate soprattutto da infezione della ferita chirurgica, la rottura del graft e processi reattivi (sinoviti), in linea con i dati riscontrati in Letteratura.

Anche per quanto riguarda le complicanze a lungo termine, come lassita residua dell’articolazione e riduzione del range di movimento non si rilevano differenze sostanziali rispetto ad altri studi scientifici ,infatti nella

casistica analizzata ,solo il 3% dei casi presentano una riduzione moderata del range di movimento.

 

 

Categorie Articoli

Collabora con noi

Sei un istruttore , Personal Trainer , preparatore atletico , fisioterapista o medico sportivo.
Lavori nel settore fitness o sport in genere ?
Collabora con TrainerLAB
 

Pubblica i tuoi articoli , rendi pubblico il tuo curriculum

e pubblicizza la tua attività......dai visibilità alla tua professione.
Per contatti o informazioni : Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

{jcomments off}

Chi siamo

tlab2

TrainerLAB , è un sito dove , operatori del settore Fitness e Sport , condividono esperienze, ricerche , articoli ed opinioni .

TrainerLAB non è affiliato a nessuna federazione sportiva o associazione di nessun tipo, è uno spazio aperto a tutti gli operatori del settore o a semplici appassionati che scambiano informazioni ed esperienze.

 

TrainerLAB Mobile

phone TrainerLAB è anche Mobile. Accedi dal tuo Smartphone o Iphone

Potrai avere tutte le funzionalità di TrainerLAB in versione Mobile.

Apple-vs-Android-logo

 

 

I cookies ci permettono di offrirvi i nostri servizi. Per poter utilizzare i servizi del nostro sito siete pregati di accettare i cookies Leggi politica cookies